02/09/2020 - Elezioni Comunali 2020 - Baselga e Bedollo -

Dovevano svolgersi in primavera ma la pandemia da coronavirus ha posticipato la data delle elezioni comunali alla fine dell'estate per i giorni domenica 20 e lunedì 21 settembre 2020.


E' entrata nel vivo questa campagna elettorale molto diversa dalle precedenti a causa delle misure e delle modalità imposte per ridurre al minimo la diffusione del Covid-19.



Una campagna elettorale fatta nelle piazze reali delle diverse frazioni e in quelle virtuali dei social network.

Infatti tutte le liste presenti in questa campagna elettorale (sia di Baselga che di Bedollo) sono presenti in Instagram ce in Facebook. Questo credo sia dovuto in gran parte all'utilizzo massiccio di internet da una gran fetta della popolazione nei mesi precedenti per motivi di studio (seguire le lezioni on-line), per motivi di lavoro (lavoro agile / smart working) e per soddisfare i bisogni di socialità (videochiamate, invio foto/video/saluti tramite WhatsApp, Telegram, Zoom, Skype e simili).



Di seguito i link ai profili dei due candidati alla carica di Sindaco di Baselga di Piné e sotto le relative liste alla carica di consigliere comunale.


Consiglio a chi è presente nei due social network di seguire tutte le liste e i due candidati Sindaco.
















Stefano Fontana
(profilo Facebook)

Alessandro Santuari
(profilo Facebook)

Piné V.a.l.e. (Facebook) (Instagram)
Autonomisti Popolari (Facebook) (Instagram)
Impegno per Piné (Facebook) (Instagram)
Piné Futura (Facebook) (Instagram)
Lega Salvini (Facebook) (Instagram)



In questo modo si avrà un’ampia panoramica sia dei candidati consigliere comunale che di quanto hanno messo in programma di fare nella legislatura 2020-2025. Progetti, idee, modi di pensare e agire a volte uguali a volte differenti. Un confronto “a distanza” per poter scegliere consapevolmente.





Di seguito invece il link all'unica lista ed unico candidato Sindaco di Bedollo. In questo caso la sfida è quella di superare il 50%+1 dei votanti.





Francesco Fantini
(profilo Facebook) (profilo Instagram)

Vogliamo Vivere Qui (Facebook)



Ai futuri eletti (o riconfermati) auguro un buon e proficuo lavoro.




Commenta queste righe...


- Contenuto sponsorizzato -
'

23/08/2020 - Scultura nei boschi devastati da Vaia -

Da qualche giorno è stata completata dall'artista Ivan Boneccher una scultura (ancora senza nome) presente nei boschi devastati da Vaia all'incrocio tra la strada che porta alla Capannina/Lago delle Rane e la strada che sale da Baselga vecchia (il primo incrocio che si incontra andando verso la Bellavista).


Il tronco grezzo era stato posizionato su un pedistallo metallico ancorato ad una base di cemento un paio di anni fa, prima della tempesta Vaia dell'ottobre 2018, quando erano ancora in piedi gli alberi che facevano da sfondo. L'idea originale era quella di sostituire il Cristo/Crocefisso precedentemente presente nello stesso punto e realizzato nell'autunno del 2007 dallo stesso artista/scultore.







Tronco posizionato per la scultura - ottobre 2018





Il precedente Cristo/Crocefisso realizzato nell'autunno del 2007 da Ivan Boneccher





Scultura realizzata nell'agosto 2020 dall'artista Ivan Boneccher







Particolare della scultura agosto 2020





Visione dal basso verso l'alto della scultura agosto 2020





Una fionda ai piedi della scultura? - agosto 2020









Commenta queste righe...


- Contenuto sponsorizzato -
'

15/08/2020 - 10 anni dalla frana di Campolongo -

Sono passati 10 anni dalla frana del rio Val Molinara del 15 agosto 2010 che investi con quasi novantamila metri cubi di materiale la frazione di Campolongo sommergendo strade, automobili con fango e detriti che invasero il piano terra o i garage/cantine di molte delle abitazioni.

Tutto avvenne nella notte tra il 14 ed 15 agosto con il culmine alle ore 3.30 del 15 agosto 2010. I Vigili del Fuoco Volontari di Baselga di Piné (raggiunti poi anche dai volontari di Pergine) assieme a Stefano Prada con il suo escavatore erano operativi in loco qualche decina di minuti prima dell'evento franoso per cercare di liberare dai detriti il ponte che attraversava il rio. Pochi minuti dopo l'escavatore con all'interno Stefano è stato travolto dal fango con una forza tale da spostarlo di alcuni metri.






Frana di Campolongo del 2010 - il primo impatto




Durante la notte e mattinata successiva intervennero sul posto i funzionari dei Bacini Montani ed altri servizi provinciali, assessori e consiglieri comunali e provinciali e centinaia di volontari dai Vigili del Fuoco ai Volontari del Soccorso della Croce Rossa Italiana, ai Nu.Vol.A. ai Psicologi dei Popoli, al Soccorso Alpino e tanti altri ancora: più di 800 persone impegnate per riportare in sicurezza l'abitato di Campolongo.



L'intera zona di Campolongo era stata subito chiusa sia per motivi di sicurezza che per evitare che i curiosi intralciassero le operazioni di sgombero del materiale iniziate già all'alba del 15 agosto 2010.


Io giunsi sul posto nella tarda mattinata del 15 agosto dopo aver avuto il via libera ad accompagnare l'allora Arcivescovo Mons. Luigi Bressan, che presente a Baselga per la celebrazione dei 100 anni della Chiesa parrocchiale, aveva espresso la volontà di fare una visita al luogo del disastro.






Frana di Campolongo del 2010 - visita di Mons. Bressan allora Arcivescovo di Trento




Frana di Campolongo del 2010 - assessori provinciali e comunali assieme all'arcivescovo






L'impatto iniziale fu sconvolgente. Incontrai diversi volontari pieni di fango e distrutti dalla fatica e dallo stress emotivo, ma nonostante questo pronti a dare ancora una mano, ad aiutare chi stava peggio di loro.






Frana di Campolongo del 2010




Frana di Campolongo del 2010




Frana di Campolongo del 2010




Frana di Campolongo del 2010




Frana di Campolongo del 2010 - I Vigili del Fuoco Volontari




Fu una grande prova di solidarietà: all'epoca io ero Consigliere Comunale e in diverse occasioni ringraziai ufficialmente a nome dell'amministrazione comunale i volontari e sempre come amministrazione comunale si decise di dedicar loro una strada all'interno della frazione di Campolongo e così a decorrere dal 1 ottobre 2015 la strada di accesso interna all'area colpita è diventata ufficialmente Via dei Volontari del 2010.







La strada intitolata ai Volontari del 2010 a Campolongo




Via dei Volonari del 2010 - Campolongo - Baselga di Piné




A distanza di dieci anni voglio nuovamente dire da semplice cittadino un sentito GRAZIE ai tanti Volontari che hanno operato quel giorno e i giorni seguenti per aiutare la nostra comunità!

Un grazie che estendo a tutti i Volontari che ogni giorno instancabili ci aiutano! Grazie e ancora grazie!






Commenta queste righe...


- Contenuto sponsorizzato -
'